Committente

CURIA ARCIVESCOVILE - Gorizia

Luogo

Aquileia (Udine)

Anno

1999

Superficie

550 mq

Strutture

Favero & Milano

Progetto illuminotecnico

Piero Castiglioni

Stato

Realizzato

Basilica di Aquileia

Oggetto dell’intervento è stata l’aula dei catecumeni attigua alla Basilica. Oltre al rifacimento della copertura della cripta degli scavi è stato realizzato un sistema di percorsi in vetro. La copertura, costruita in calcestruzzo agli inizi del ‘900, si presentava in uno stato di degrado avanzato tale da non consentirne il recupero. Si è dunque realizzata una struttura portante in acciaio verniciata di nero opaco che è stata poi controsoffittata con un materiale composito, costituito da lastre di 5 mm. di pietra naturale incollate su una struttura di alluminio a nido d’ape. I pannelli sono staccati tra di loro: in questo modo oltre a rivelare la loro natura non strutturale, gli stacchi ospitano il sistema di illuminazione e degli speciali apparecchi germicidi a raggi UVB azionati nelle ore notturne per impedire la formazione di muschi ed efflorescenze sui mosaici. Le sorgenti luminose, studiate per non creare in nessun modo ombre sulla pavimentazione, sono costituite da lampade lineari al neon, sfalsate di 90° l’una rispetto all’altra. Il vero cuore del progetto è costituito dai percorsi sospesi in vetro. Il pavimento della Basilica di Aquileia, risalente al quarto secolo dopo Cristo, costituisce un patrimonio artistico straordinario, trattandosi del più grande e meglio conservato mosaico della cristianità. La necessità di consentire una perfetta visione dei mosaici senza perpetuarne l’usura è stata infatti alla base della scelta di realizzare dei camminamenti sollevati dal pavimento. I percorsi, appesi tramite tiranti di acciaio al soffitto, sono costituiti da lastre in vetro stratificato extra-chiaro di 12 mm. Il problema dell’usura del vetro è stato ovviato con il posizionamento, sul piano di calpestio, di una lastra di vetro temperato spessa 6 mm, rimovibile senza particolari interventi di manutenzione.